Non tutti sono John Belushi

caminho

Cosa mi avevi chiesto?

Ah sì, perché è faticoso trovare la propria verità.

Prima di tutto, tu hai deciso di voler trovare la tua personale verità.

Questo è già un punto di partenza entusiasmante.

No, aspetta, non ho detto “capito”. Ho detto “deciso”.

Quando l’hai deciso io non lo so.

Sarà successo una settimana fa, mentre eri in fila alle poste.

Oppure ieri, quando quell’acquazzone ti ha ridotto come un pulcino fradicio.

Magari l’hai deciso stamattina.

Sì magari l’hai deciso oggi, prima di venire qui e di incontrare casualmente me.

“Casualmente” lo dico tra virgolette, sia chiaro.

Perché? Beh è una storia lunga… te la racconto un’altra volta.


Insomma, io non lo posso sapere nei minimi dettagli.

Tu, comunque, hai deciso che esiste la tua verità.

Vuoi trovarla e non sai come cercarla.

Prendila così, vuoi partire per un viaggio che può essere stupendo.

No, adesso non fraintendermi.

Guarda che mica ci arrivano tutti, eh.

Non tutti sono John Belushi.

Non l’hai afferrata? Era una citazione.

Voglio dire che non tutti riescono a vedere la luce.

L’illuminazione. La chiamata. La missione.

Quel risveglio che si manifesta sotto forma di immagine o suono e che ti dice: vai!


Adesso rispondimi.

Se il tuo cammino non fosse faticoso, impegnativo, sorprendente, imprevedibile, quale sarebbe la ragione della tua presenza?

La ragione della tua presenza, ho detto!

Il motivo per cui ti trovi qui adesso!

Il come ci sei arrivato!

Il perché hai incontrato proprio me e non quel tipo lì! (no, era così per dire… non fissarlo adesso).

Il perché stiamo parlando di vita!

Il perché abbiamo il coraggio di parlare di vita!

Il perché abbiamo il coraggio di pronunciare parole come “amore”, “morte”, “destino” e ne sentiamo l’autentica essenza!


Prima di andarmene ti dico un’ultima cosa.

Il tuo cammino è solo tuo.

Tu ne sei l’esclusivo artefice.

Tu ne sei il fondatore, l’esploratore, il regista, il cronista.

Tu ne sei la ragione.

Ma purtroppo non è una tavola imbandita di prelibatezze.

Non lo è affatto.

C’è da masticare fango e digerire ingiustizie.

C’è da farsi domande e non trovare le risposte giuste.

C’è da complicare le cose perché la semplicità non si adatta a noi.

E a volte c’è da piangere di nascosto.

È un quadro astratto dove neanche il pittore ci capisce più niente.

E tu pensi che non sia faticoso?

Questa è una marmellata di lotta, fortuna e bellezza.

Continua a cercare la tua verità.

Annunci

2 pensieri su “Non tutti sono John Belushi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...