Il sorriso è una scelta

pexels-photo-156731

Lei ha 27 anni e sorride spesso.
Anche al lavoro.

Non ha un motivo specifico per sorridere.
Cioè, ha una vita normale.
Si porta con sé pregi, qualità, difetti, ansie, impegni, scadenze, vizi.

Lui lavora con lei e ha 10 anni di più.
Un giorno le fa notare di essere sorpreso dal suo sorriso costante.
Poi, aggiunge un dettaglio: fa la parte del saggio.

La avverte che, prima o poi, il suo sorriso si farà più smorzato.
Ne è sicuro, perché lui ci è già passato.
“La vita è dura”.
“Bisogna farsi il mazzo”.
“Capiterà anche a te”.

Lei rimane sorpresa e con gran naturalezza…sorride ancora.
Non può permettersi di credere a quelle parole.


Sorride per tre motivi.
1. Lo fa da sempre.
2. Di solito, quando sorride sta bene.
3. Non è abituata ad omologarsi allo spegnersi delle emozioni.

Sia chiaro: lei la pensa come lui.
Sulle prime due affermazioni, lei la pensa esattamente come lui.
Sulla terza invece, no.

Infatti la sua parola-chiave è NONOSTANTE.
Non è SICCOME.
Nonostante la vita sia dura, lei sceglie ancora di sorridere.
Nonostante sia necessario farsi il mazzo, lei sceglie ancora di sorridere.

“Smettere di farlo, sarebbe pericoloso”.
Si ripete lei, di tanto in tanto.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...